sabato 28 ottobre 2017

MANGIA CIO' CHE LEGGI #107: Biscotti palloncini ispirati da IT di Stephen King

Approfittando del fatto che finalmente al cinema è uscito It, e del fatto che siamo nel weekend precedente ad Halloween, vi parlerò del mio romanzo preferito. 
La prima volta che l'ho letto è stato nelle vacanze della quinta elementare, avevo chiesto un libro come regalo per la promozione e dopo aver guardato a tratti il film tv It, avevo voluto il libro come premio. 
Mi ricordo ancora la gioia è l'emozione di stringere questo tomo da oltre 1000 pagine tra le mani mentre tornavo a casa dal supermercato con i miei genitori. 
Ammetto che era stato difficile da leggere all'inizio, perché King ha comunque una scrittura molto dettagliata, ricca di personaggi, di particolari, di flashback. Ero una bambina cocciuta e mi ero messa in testa di leggerlo tutto e l'ho fatto.
La maggior parte del romanzo l'ho letta in vacanza. Eravamo soliti andare in campeggio, io montavo la mia piccola tenda di fianco alla roulotte dei miei genitori e ci dormivo insieme al mio cagnolino. Cose che di questi tempi, non permetterei più alle mie bambine. 
Mi ricordo che leggevo per di più la notte, nella solitudine della mia tendina, ad ogni fruscio del vento chiudevo il libro di scatto e abbracciavo il mio cane impaurita, ma poi non resistevo e ricominciamo a leggere finché non crollavo. Sono particolarmente affezionata a questa storia perché la prima volta che l'ho letto avevo l'età del club dei perdenti, e mi sentivo esattamente come loro, impavida e terrorizzata allo stesso tempo. Poi l'ho riletto quando ormai avevo l'età dei protagonisti della seconda metà del romanzo e allora ho provato più empatia per loro.
È stato bello confrontare le diverse emozioni che mi ha suscitato questo romanzo in due momenti così diversi della mia vita, l'ho ripreso in mano per questa ricetta e riletto alcuni passi e ancora ne sono stata travolta e affascinata.

L'unica pecca è che per colpa di King, io, i clown e i palloncini rossi non andiamo d'accordo. In realtà  non avevo un buon rapporto nemmeno con le gemelle che si tengono per mano nei corridoi, però la vita è stata buffa e mi ha donato due gemelle che amano tenersi per mano e giocare con i palloncini rossi, però niente clown!

Siccome non avevo voglia di comprare un taglia biscotti a forma di palloncino, mi sono arrangiata da sola, ho disegnato la sagoma su un pezzo di cartone spesso, l'ho ritagliato e foderato con carta stagnola. In questo modo ho potuto disegnare a punta di coltello il contorno del palloncino sulla pasta frolla e poi sulla pasta di zucchero.

INGREDIENTI PER circa 24 biscotti (dipende dalla dimensione del vostro palloncino):

  • 300g di farina 0
  • 150g di burro freddo
  • 3 tuorli
  • 100g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • scorza di limone
  • marmellata di fragole senza pezzi quanto basta (circa mezzo barattolo o poco più)
  • 400g di pasta di zucchero rossa, eventualmente dello zucchero a velo per la lavorazione
  • 24 stecchini di legno per spiedini
Lavorate lo zucchero e la scorza di limone nel robot da cucina alla massima potenza.
Aggiungete la farina, il burro, i tuorli e il pizzico di sale, lavorate alla massima potenza finché il composto si raggrupperà in un unica palla.
Trasferitele sul piano da lavoro impastate ancora a mano per qualche, avvolgete l'impasto nella pellicola trasparente e fatelo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti prima dell'utilizzo.



Stendete ora l'impasto con il mattarello di uno spessore di circa mezzo centimetro; con un coltellino affilato, ritagliate i palloncini utilizzando la sagoma preparata prima, procedete fino all'esaurimento della frolla. 
Il con gli scarti non riuscite più a ottenere i palloncini potete ricavare delle forme più piccole e cuocerle comunque come semplici biscottini.
Sistemateli su una placca, infilate alla base di ognuno, uno stecchino di legno, fungerà da "filo" simbolico, e permetterà  di tenere in mano questi biscotti come fossero veri palloncini. Cuoceteli in forno caldo per circa 12 minuti a 180°.

Sfornate è lasciate raffreddare completamente sulla placca. 
Spalmate un sottile strato di marmellata su ogni biscotto, servirà da collante con la pasta di zucchero. 
Stendete uno strato sottilissimo a pasta di zucchero e ritagliate tanti palloncini, quanti biscotti avrete preparato, ricoprite ogni biscotto con la pellicola rossa e lisciate con le dita. 

Cercate di lavorare su una superficie tipo di silicone, in modo non far asciugare la pasta di zucchero; eventualmente se vedete che si appiccica un po' al mattarello o al piano di lavoro, potete aiutarvi con dello zucchero a velo.

Lasciate riposare un'oretta i biscotti in modo che la pasta di zucchero s'incolli per bene e raggiunga la consistenza giusta.

Potete servirli con nella foto, sistemati come un bouquet di palloncini oppure infilzarli in una base di polistirolo.
in definitiva.... LO VOLETE UN PALLONCINO?

LINK D'ACQUISTO E SINOSSI:


Un viaggio illuminante lungo l'oscuro corridoio che dagli sconcertanti misteri dell'infanzia conduce a quelli della maturità.A Derry , una piccola cittadina del Maine, l'autunno si è annunciato con una pioggia torrenziale che sembra non finire mai. Per un bambino come George Denbrough, ben coperto dal suo impermeabile giallo, il più grande divertimento è seguire la barchetta di carta che gli ha costruito il fratello maggiore Bill. Ma le strade sono sdrucciolevoli e George rischia di perdere il suo giocattolo, che infatti si infila in un canale di scolo lungo il marciapiede e sparisce nelle viscere della terra. Cercare di recuperarlo è l'ultimo gesto di George: una creatura spaventosa travestita da clown gli strappa un braccio uccidendolo. A combattere It, il mostro misterioso che prende la forma delle nostre peggiori paure, rimangono Bill e il gruppo di amici con i quali ha fondato il Club dei Perdenti, sette ragazzini capaci di immaginare un mondo senza mostri. Ma It è un nemico implacabile e per sconfiggerlo i ragazzi devono affrontare prove durissime e rischiare la loro stessa vita. E se l'estate successiva, che li ritrova giovani adulti, sembra quella della sconfitta di It, i Perdenti sanno di dover fare una promessa: qualunque cosa succeda, torneranno a Derry per combattere ancora.
It, considerato una pietra miliare della letteratura americana, è un romanzo di bambini che diventano adulti e di adulti che devono tornare bambini, affrontando le loro paure nell'unico modo possibile: uniti da un'incrollabile amicizia

2 commenti:

  1. Una bellissima recensione, brava! Io non avrei mai avuto il coraggio di leggere questo libro in quinta elementare, e d'altronde non ce l'ho nemmeno oggi !!! ahahah ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, in realtà se vogliamo ci sono libri di King più paurosi!

      Elimina